HT Psicologia
Psicologia per psicologi - Alzheimer: quali terapie ci sono oggi e il ruolo dello Psicologo
HT: La Psicologia per Professionisti

Alzheimer: quali terapie ci sono oggi e il ruolo dello Psicologo

Gratis
Lascia vuoto questo campo:
Iscriviti alla Newsletter di HT
HT Psicologia Network
Psicologia-Psicoterapia.it
Consorzio Universitario Humanitas
Master Universitario di I livello in Neuropsicologia dell'età evolutiva - Roma e Online
ISCRA - Istituto Modenese di Psicoterapia Sistemica e Relazionale
Corso di Mediazione Sistemica e Relazionale - Modena e Forlì-Cesena
Logos - Consulenza e formazione sistemico-relazionale
Corso di formazione per Consulente in Co-parenting Sistemico - Genova e Online
CSAPR - Centro di Studi e di Applicazione della Psicologia Relazionale
Workshop 'Il Mental Training in Psicologia dello Sport: tecniche base di intervento' - Prato
PsicoCitta.it
Dott.ssa Stefania Fontaneto
Psicologo Psicoterapeuta
Riceve a: Borgomanero (NO) e Ornavasso (VB)
Dott.ssa Silvia Angeli
Psicologo Psicoterapeuta
Riceve a: Cesenatico (FC)
Associazione Capire & Cambiare
Associazione di Psicologia
Riceve a: Roma
Dott.ssa Melania Continanza
Psicologo Psicoterapeuta
Riceve a: Firenze e Empoli (FI)

Alzheimer: quali terapie ci sono oggi e il ruolo dello Psicologo

L'articolo "Alzheimer: quali terapie ci sono oggi e il ruolo dello Psicologo" parla di:
  • Terapie contemporanee per l'Alzheimer
  • Ruolo dello Psicologo
  • Servizi offerti dal professionista
Psico-Pratika:
Numero 203 Anno 2024

Tutti gli articoli
Iscriviti alla newsletter
A cura di: Redazione - Pubblicato il 05 Febbraio 2024

Alzheimer: quali terapie ci sono oggi e il ruolo dello Psicologo

L'Alzheimer è una malattia a decorso cronico e progressivo ed è caratterizzata da un processo degenerativo che distrugge le cellule del cervello, causando un deterioramento irreversibile delle funzioni cognitive (memoria, ragionamento e linguaggio) fino a compromettere l'autonomia e la capacità di compiere le normali attività giornaliere. Questa malattia prende il nome dal neurologo tedesco Alois Alzheimer che all'inizio del 1900 ne descrisse per primo le caratteristiche.

Alzheimer: le terapie di oggi

Attualmente non esiste una cura specifica in grado di far guarire dalla malattia.
Esistono però diversi trattamenti sintomatici, farmacologici e non, che, pur non arrestandola, riescono a rallentarne la progressione e a migliorare temporaneamente la qualità di vita dei pazienti. Gli attuali approcci terapeutici si concentrano quindi:

  • sul mantenimento della funzione mentale;
  • sulla gestione dei sintomi comportamentali;
  • sul rallentare o ritardarne la progressione.

Per quanto riguarda i farmaci, quelli utilizzati sono Donepezil, Galantamine, Rivastigmine. Sono indicati nella fase lieve e moderata e hanno il ruolo di compensare la morte dei neuroni colinergici offrendo sollievo sintomatico. La Memantina è indicata, invece, nella fase da moderata-severa a severa della malattia. Gli antipsicotici, infine, vengono talvolta utilizzati per ridurre i sintomi comportamentali come agitazione, aggressività e allucinazioni.

Oltre ai farmaci esistono molte terapie non farmacologiche che possono aiutare a gestire i sintomi dell'Alzheimer, come la fisioterapia, l'arteterapia, la stimolazione cognitiva attraverso la terapia psicologica, la terapia comportamentale, la terapia del linguaggio e la terapia di reminiscenza.
Molto importante per il paziente, al pari se non più delle terapie, sono la vicinanza e il supporto della famiglia. Adattare l'ambiente di vita ai bisogni di una persona con Alzheimer è una parte fondamentale di qualsiasi piano di trattamento.

Lo Psicologo può essere di aiuto alle persone affette da Alzheimer?

La malattia di Alzheimer può portare sfide emotive e psicologiche significative per coloro che ne sono affetti e anche per le persone che si prendono cura di loro. Lo psicologo può contribuire senz'altro a fornire supporto e a migliorare la qualità di vita di pazienti e familiari.

Riguardo ai pazienti nello specifico, la terapia psicologica può essere molto importante. La depressione, ad esempio, si verifica in circa il 40% dei malati, rendendola uno dei problemi psicologici più comuni che accompagnano il morbo di Alzheimer.
Il coinvolgimento di uno psicologo o psicoterapeuta può variare a seconda dello stadio della malattia. Nelle fasi iniziali, quando i pazienti sono ancora in grado di comunicare e partecipare attivamente alle terapie, le sedute possono essere più frequenti. In fasi avanzate, il supporto può essere maggiormente fornito dai caregiver.

Attività che può fornire lo Psicologo e/o Psicoterapeuta
  • Valutazione e diagnosi: lo psicologo può essere coinvolto nella fase di valutazione iniziale per confermare la diagnosi di Alzheimer e valutare ciò che è normale invecchiamento rispetto ai primi segni di demenza. La valutazione psicologica può includere test cognitivi e valutazioni del comportamento.
  • Supporto emotivo e gestione dei comportamenti problematici: la malattia di Alzheimer può essere molto stressante ed emotivamente impegnativa sia per i familiari che per la persona che ne è affetta. Il sostegno psicologico può aiutare a far fronte all'ansia, alla depressione e alla confusione che la malattia può comportare. Lo psicologo può spiegare la malattia al caregiver e illustrargli strategie e suggerimenti su come poterla affrontare. Può inoltre aiutarli a sviluppare strategie di gestione del proprio caro, in quanto l'Alzheimer può portare chi ne soffre a cambiamenti comportamentali come l'agitazione, l'irritabilità o l'aggressività. In questo senso il terapeuta aiuta ad alleggerire il carico delle famiglie.
  • Terapie cognitive: la terapia cognitiva può aiutare a migliorare la funzione cognitiva e a sviluppare strategie per affrontare le sfide causate dalla malattia. Queste terapie possono includere esercizi di stimolazione mentale e allenamento alla memoria.
  • Terapie non farmacologiche: ci sono terapie non farmacologiche, come la Pet Therapy e la Musicoterapia, che possono aiutare a creare benessere psicologico.
  • Sostegno nel lutto: l'Alzheimer purtroppo è una malattia progressiva e terminale. Lo psicologo può fornire sostegno emotivo ai familiari nel periodo del lutto.
Altre letture su HT
Cosa ne pensi? Lascia un commento
Nome:
Mail (La mail non viene pubblicata):
Testo:



HT Psicologia - Alzheimer: quali terapie ci sono oggi e il ruolo dello Psicologo

Centro HT
HT Collaboratori