HT Psicologia
Psicologia per psicologi - Covid-19 e minori: indagate le conseguenze del lockdown
HT: La Psicologia per Professionisti

Covid-19 e minori: indagate le conseguenze del lockdown

Gratis
Lascia vuoto questo campo:
Iscriviti alla Newsletter di HT
HT Psicologia Network
Psicologia-Psicoterapia.it
IGEA - Centro Promozione Salute
Corso: 'Disturbo dello spettro autistico: diagnosi e tecniche di intervento' - Online
LR Psicologia
Master in Psicologia giuridica - Roma e Milano
PsicoCitta.it
Dott.ssa Ilaria Bagni
Psicologo Psicoterapeuta
Riceve a: Milano e Monza
Dott.ssa Silvia Testi
Psicologo Psicoterapeuta
Riceve a: Legnano (MI)
Ultimi siti realizzati
- Clelia-Psicologo.it
Presenta i servizi di psicoterapia e terapia di coppia. Riceve ad Altamura.
- Giancarlo-Psicologo.it
Presenta i servizi di Psicoterapia al singolo ed alla Coppia. Riceve a Forlì e San Mauro Pascoli (FC).

Covid-19 e minori: indagate le conseguenze del lockdown
Italia. Sondaggio mostra come le misure per contenere il coronavirus abbiano compromesso la salute mentale di bambini e adolescenti

L'articolo "Covid-19 e minori: indagate le conseguenze del lockdown" parla di:
  • Effetti del lockdown sul benessere della popolazione
  • Il sondaggio online dell'Istituto Gaslini di Genova
  • Disturbi nei minori e correlazione con i disturbi dei genitori
Psico-Pratika:
Numero 168 Anno 2020

Tutti gli articoli
Iscriviti alla newsletter
A cura di: Redazione - Pubblicato il 06 Luglio 2020

Covid-19 e minori: indagate le conseguenze del lockdown
Italia. Sondaggio mostra come le misure per contenere il coronavirus abbiano compromesso la salute mentale di bambini e adolescenti

Italia. Il periodo di lockdown attivato nel nostro Paese al fine di contenere la diffusione del Covid-19 ha causato problemi di natura comportamentale e sintomi di regressione nei minori, con disturbi che si differenziano a seconda dell'età e risultano più accentuati in base al malessere psicologico vissuto di loro stessi genitori.

È quanto emerge dall'indagine scientifica "Impatto psicologico e comportamentale sui bambini delle famiglie in Italia", presentata lo scorso 16 Giugno e condotta dall'Istituto Giannina Gaslini e dall'Università degli Studi di Genova sotto la guida del Prof. Lino Nobili, professore associato e direttore del Dipartimento di Neuropsichiatria infantile.

Premesse. Le misure di contenimento adottate in Italia per frenare la pandemia del Coronavirus hanno minato il benessere della popolazione, non solo da punto di vista fisico ma anche da quello mentale: per via dell'isolamento sociale e della sospensione di gran parte delle attività, i cittadini hanno visto venir meno la propria libertà personale e si sono ritrovati costretti a riorganizzare la propria vita quotidiana, cose che hanno comportato difficoltà adattive soprattutto in chi presentava disagi già prima della comparsa del virus.

Il lockdown ha poi messo in pericolo anche la salute dei più piccoli, soprattutto dal punto di vista psichico. Se da un lato, infatti, i bambini risultano al momento meno vulnerabili di fronte al virus - tranne che per la diffusione di patologie come la malattia di Kawasaki*, che sembra essere collegata in qualche modo al Covid-19 -, dall'altro c'è stato per loro un peggioramento della qualità della vita e dell'equilibrio emotivo, provocato da chiusura di scuole, asili, servizi dedicati ai minori, ecc., nonché dalle condizioni in cui si sono ritrovate a vivere le loro stesse famiglie (per esempio, problemi di disoccupazione dei genitori, scomparsa dei nonni, ecc.).

Lo studio dell'Istituto Gaslini è nato con l'obiettivo di monitorare proprio gli effetti che la pandemia ha provocato sul benessere psicologico di adulti e bambini e, di conseguenza, riuscire a individuare precocemente le situazioni più critiche.

Sviluppo dell'indagine. L'indagine si è basata su un sondaggio diffuso online tramite la piattafoma Google Form a poche settimane dall'inizio del lockdown, tra il 24 Marzo ed il 3 Aprile 2020.

Al sondaggio - al quale era possibile prender parte in modo completamente anonimo - hanno aderito in tutto 6.800 persone residenti in Italia (età media: da 40 a 45 anni), tra le quali 3.251 hanno dichiarato di avere a carico figli minori di 18 anni.

La partecipazione maggiore è stata registrata nelle regioni del nord Italia ed in Toscana, mentre le donne hanno rappresentato il 64,7% dei partecipanti.

Risultati. Analizzando i dati delle famiglie con figli minori a carico, il team del Dott. Nobili ha notato come il 65% dei bambini di età inferiore ai 6 anni ed il 71% di coloro che hanno un'età compresa tra 6 e 18 anni presentino problemi di natura comportamentale e sintomi di regressione provocati dal lockdown.

I disturbi più frequenti si differenziano in base proprio all'età dei piccoli.
Nei bambini sotto i 6 anni, infatti, è stato registrato un aumento di irritabilità, disturbi del sonno e disturbi d'ansia.
Quelli di età compresa tra 6 e 18 anni, invece, hanno prevalentemente disturbi di natura somatica - come ansia e sensazione di mancanza d'aria/fiato corto - e problemi con il sonno, soprattutto difficoltà ad addormentarsi e risvegliarsi. È stata infatti registrata un'alterazione del ritmo sonno-veglia: l'indagine parla nello specifico di "ritardo di fase", ovvero di una situazione in cui per esempio i soggetti colpiti vanno a letto più tardi del normale e non riescono poi a svegliarsi al mattino.
Nei ragazzini, inoltre, è stata registrata anche una maggiore instabilità emotiva, con un aumento dell'irritabilità e cambiamenti d'umore.

L'indagine, inoltre, ha messo in luce anche l'esistenza di una correlazione tra la gravità dei disturbi registrati nei minori ed il malessere vissuto dai loro stessi genitori durante il lockdown: maggiori sono le conseguenze provocate a livello psichico dalla situazione pandemica negli adulti - ad esempio sintomi collegati a disturbi d'ansia, di sonno, dell'umore, consumo di ansiolitici ed ipnotici, ecc. -, maggiori risultano essere i disturbi del comportamento e della sfera emotiva sofferti da bambini e adolescenti.

Il malessere degli adulti risulta, infine, più elevato ed intenso nelle famiglie in cui sono presenti sia bambini che anziani.

Conclusioni. Secondo gli autori dell'indagine, i dati raccolti dimostrano come il lockdown e tutte le altre restrizioni applicate per contenere il Covid-19 abbiano provocato conseguenze importanti anche sul fronte della salute emozionale e psichica di adulti e bambini1.
Per questo motivo - conclude il documento -, come affermato anche da altri gruppi di lavoro a livello internazionale, è importante adesso dar vita a procedure di tutela del benessere psicologico che puntino l'attenzione sia sui soggetti più fragili che sul resto della popolazione.

Note
  1. Prof. Lino Nobili, in "Bambini e Covid-19: come hanno reagito e come aiutarli", articolo pubblicato su Gaslini.org, 16 Giugno 2020
    www.gaslini.org/comunicati-stampa/bambini-e-covid-19-come-hanno-reagito-e-come-aiutarli/
Fonte
  • Lino Nobili, Sara Uccella, Fabrizio De Carli et al., "Impatto psicologico e comportamentale sui bambini delle famiglie in Italia", pubblicato su Gaslini.org il 16 Giugno 2020
    www.gaslini.org/wp-content/uploads/2020/06/Indagine-Irccs-Gaslini.pdf
Altre letture su HT
Cosa ne pensi? Lascia un commento
Nome:
Mail (La mail non viene pubblicata):
Testo:



HT Psicologia - Covid-19 e minori: indagate le conseguenze del lockdown

HT Staff
HT Collaboratori