HT Psicologia
Psicologia per psicologi - Gestire le emozioni parlandosi in terza persona
HT: La Psicologia per Professionisti

Gestire le emozioni parlandosi in terza persona

Gratis Iscriviti alla Newsletter di HT
HT Psicologia Network
Psicologia-Psicoterapia.it
IACP - Istituto dell'Approccio Centrato sulla Persona
Corso di alta formazione per Psicoterapeuti: Emotion Focused Therapy (EFT) - Roma
CIPsPsIA - Centro Italiano di Psicoterapia Psicoanalitica per l'Infanzia e l'Adolescenza
Corso di formazione specialistica in Psicoterapia - infanzia - Bologna
PsicoCitta.it
Dott.ssa Sara Crudi
Psicologo
Riceve a: Roma
Dott.ssa Michela Cherchi
Psicologo Psicoterapeuta
Riceve a: Elmas (CA) e Iglesias
Ultimi siti realizzati
- Giancarlo-Psicologo.it
Presenta i servizi di Psicoterapia al singolo ed alla Coppia. Riceve a Forlì e San Mauro Pascoli (FC).
- Psicologo-Strizzacervelli.it
Presenta i servizi di psicoterapia, test psicologici e sessuologia. Riceve a Treviso, Vicenza e Padova.

Gestire le emozioni parlandosi in terza persona
USA. Due esperimenti mostrano come il riferirsi a se stessi in terza persona possa essere un modo facile per controllare le proprie emozioni

L'articolo "Gestire le emozioni parlandosi in terza persona" parla di:

  • Influenza del monologo interno sull'autocontrollo
  • Utilizzo della terza persona al posto del pronome "io"
  • Risultati degli esperimenti complementari
Psico-Pratika:
Numero 139 Anno 2017

Tutti gli articoli
Iscriviti alla newsletter
A cura di: Redazione - Pubblicato il 04 Settembre 2017

Gestire le emozioni parlandosi in terza persona
USA. Due esperimenti mostrano come il riferirsi a se stessi in terza persona possa essere un modo facile per controllare le proprie emozioni

Michigan, USA. Parlare con se stessi utilizzando la terza persona potrebbe essere il modo più facile e immediato per regolare e controllare le proprie emozioni senza dover sostenere ulteriori sforzi a livello cognitivo.
A ipotizzarlo uno studio pubblicato sulla rivista online Scientific Reports, condotta dai ricercatori della MSU (Michigan State University) guidati dal Prof. Jason Moser - professore associato di Psicologia presso la MSU e primo autore dello studio - e della University of Michigan, guidati invece dal Prof. Ethan Kross.

Premesse dello Studio. Come affermano i ricercatori all'interno dello studio, le nostre riflessioni momentanee sono spesso guidate da una voce interiore. Alcune ricerche precedenti in questo campo hanno dimostrato come il modo in cui si fa riferimento a se stessi durante questo monologo interno influenzi la propria capacità di autocontrollo. Nello specifico è stato notato come utilizzare il proprio nome al posto del pronome di prima persona "io" (riferirsi a se stessi pensando per esempio "Jason sta guardando" invece di "Io sto guardando") aumenti la capacità degli individui di controllare sentimenti, pensieri, comportamenti in situazioni di stress.

Gli studiosi del Michigan hanno voluto verificare se l'utilizzo della terza persona durante questi dialoghi con se stessi possa essere un modo facile per gestire le proprie emozioni, una forma di controllo emotivo "relativamente sforzata", cioè che non richiede ulteriori processi di controllo cognitivo. L'ipotesi di partenza è stata che il servirsi della terza persona permetta di ottenere quella distanza psicologica necessaria per il proprio autocontrollo.

Svolgimento della ricerca. Lo Studio è stato sviluppato attraverso due esperimenti complementari, condotti rispettivamente dal laboratorio di Psicofisiologia clinica della MSU e dal laboratorio Emotion and Self-Control della University of Michigan.

Durante il primo esperimento, 37 persone hanno visualizzato una serie di immagini, alcune neutre, altre inquietanti. A questa visualizzazione i partecipanti dovevano reagire riferendosi a se stessi prima in prima persona (per esempio "io sto vedendo") poi in terza (per esempio "Jason sta vedendo"), mentre le proprie attività cerebrali venivano monitorate dai ricercatori attraverso un elettroencefalogramma.

Con il secondo esperimento, invece, 52 persone sono state invitate a pensare alle proprie esperienze negative servendosi anche in questo caso della prima e della terza persona. Per monitorare le loro attività cerebrali è stata utilizzata una risonanza magnetica funzionale.

Risultati della ricerca. I risultati del primo esperimento hanno mostrato come nel momento in cui i partecipanti reagivano alla visualizzazione delle immagini servendosi della terza persona, le proprie attività cerebrali emotive subivano una rapida riduzione (diminuivano entro un secondo).

Risultati simili sono stati registrati anche con il secondo esperimento: utilizzando la terza persona, infatti, si verificava una riduzione delle attività in un'area del cervello coinvolta nell'elaborazione delle esperienze emozionali dolorose, ovvero nella corteccia prefrontale mediale.

Conclusioni. Per i ricercatori della MSU e della University of Michigan i risultati ottenuti dai due esperimenti sono importanti in quanto - se confermati da ulteriori ricerche - potrebbero portare a comprendere maggiormente come funziona l'autocontrollo e come sia possibile aiutare gli individui a regolare le proprie emozioni nella vita di tutti i giorni.

Fonte
  • Jason S. Moser et al., "Third-person self-talk facilitates emotion regulation without engaging cognitive control: Converging evidence from ERP and fMRI", articolo pubblicato su Scientific Reports, 3 Luglio 2017
    www.nature.com/articles/s41598-017-04047-3
Cosa ne pensi? Lascia un commento
Nome:
Mail (La mail non viene pubblicata):
Testo:



HT Psicologia - Gestire le emozioni parlandosi in terza persona

HT Staff
HT Collaboratori