HT Psicologia
Psicologia per psicologi - Titoli accademici conseguiti all'estero, riconoscimento in Italia?
HT: La Psicologia per Professionisti

Titoli accademici conseguiti all'estero, riconoscimento in Italia?

Gratis
Lascia vuoto questo campo:
Iscriviti alla Newsletter di HT
HT Psicologia Network
Psicologia-Psicoterapia.it
IGEA - Centro Promozione Salute
Corso di alta formazione: 'Progettista degli interventi sociali' - Pescara e Roma
IFRA - Istituto per la Formazione e la Ricerca Applicata
Corso di Psicomotricità - Bologna
PsicoCitta.it
Dott.ssa Rossella Dolce
Psicologo Psicoterapeuta
Riceve a: Monza
Dott. Andrea Calò
Psicologo Psicoterapeuta
Riceve a: Lainate (MI) e Milano
Ultimi siti realizzati
- Giancarlo-Psicologo.it
Presenta i servizi di Psicoterapia al singolo ed alla Coppia. Riceve a Forlì e San Mauro Pascoli (FC).
- Psicologo-Strizzacervelli.it
Presenta i servizi di psicoterapia, test psicologici e sessuologia. Riceve a Treviso, Vicenza e Padova.

Titoli accademici conseguiti all'estero, riconoscimento in Italia?

L'articolo "Titoli accademici conseguiti all'estero, riconoscimento in Italia?", parla di:

  • Riconoscimento dei titolo accademici conseguiti all'estero
  • Differenza tra titolo di studio e "qualifica" professionale
  • Riconoscimento pieno e riconoscimento parziale
Psico-Pratika:
Numero 88 Anno 2012

Tutti gli articoli
Iscriviti alla newsletter

A domanda HT Risponde: 'Titoli accademici conseguiti all'estero, riconoscimento in Italia?'

A cura di: Redazione
Titoli accademici conseguiti all'estero ci vuole il riconoscimento in Italia?
- Domanda pervenuta in redazione il 1 novembre 2012 alle 9:12 -
Sostanzialmente sì, è però necessario fare un distinguo e chiarire cosa si intende per titolo poiché differiscono gli iter e le finalità.

I titoli conseguiti all'estero per i quali nel nostro paese occorre richiedere riconoscimento sono: In quanto ai Titoli Accademici conseguiti all'estero, in base al Regio Decreto n. 1592/1933 (art. 170), in Italia non hanno valore legale, il Decreto però prevede la possibilità di richiedere per gli stessi equivalenza (equipollenza) con corrispondenti titoli italiani (artt. 170 e 332).
Per cui per esempio chi abbia conseguito Laurea in Psicologia in Canada, affinché il suo titolo sia legalmente valido anche in Italia (e quindi possa proseguire negli studi, ad esempio) è necessario che presenti richiesta/domanda di equipollenza titolo.

La richiesta, corredata da apposita documentazione, va presentata direttamente all'Università (nel cui Statuto di Ateneo figuri un corso di studi assimilabile a quello compiuto all'estero).

Completata la valutazione, le Autorità Accademiche potranno:
  • riconoscere il titolo straniero come equivalente a tutti gli effetti a corrispondente titolo Universitario Italiano;
  • riconoscere parzialmente il titolo straniero, in questo caso per ottenere la piena equipollenza al corrispondente titolo italiano occorrerà integrare la formazione (esempio sostenere esami integrativi, e/o presentare e discutere tesi finale).

Nota
Quanto qui esposto ha mero valore indicativo. Le informazioni riportate, per quanto corrette, non sono esaustive né dell'iter né della casistica che può differire da situazione a situazione.
Invitiamo gli utenti, che necessitassero di informazioni specifiche in merito alla propria situazione, a contattare direttamente gli organi competenti in materia:
  • Segreterie Studenti o gli Uffici per gli Studenti Stranieri presso le singole università in merito al riconoscimento dei Titoli Accademici;
  • Centri NARIC - Centri Nazionali di Informazione sul Riconoscimento dei Diplomi.

Riferimenti
  • Equipollenza tra i titoli accademici finali esteri e i corrispondenti titoli accademici finali italiani: www.miur.it
  • Riconoscimento in Italia dei titoli esteri: www.miur.it
  • Università - Riconoscimento dei titoli Accademici: europa.eu
Commenti: 1
1 Anna alle ore 15:56 del 07/09/2016

Buongiorno! Informandomi presso l'ufficio studenti stranieri dell'università di Torino sono venuta a conoscenza di un elenco di università straniere che ''rilasciano lauree in Psicologia riconosciute, ai sensi della L. 56/1989, ai fini dell'ammissione all'esame di Stato per l'esercizio della professione di Psicologo''. Di conseguenza non dovrebbe essere necessario il riconoscimento del titolo per i diplomi presi in queste università. Per caso sapete qualcosa riguardo questo documento?
Grazie! 

Cosa ne pensi? Lascia un commento
Nome:
Mail (La mail non viene pubblicata):
Testo:



HT Psicologia - Titoli accademici conseguiti all'estero, riconoscimento in Italia?

HT Staff
HT Collaboratori