HT Psicologia
Psicologia per psicologi - Relazione fra carenza di sonno e problemi correlati a sostanze
HT: La Psicologia per Professionisti

Relazione fra carenza di sonno e problemi correlati a sostanze

Gratis
Lascia vuoto questo campo:
Iscriviti alla Newsletter di HT
HT Psicologia Network
Psicologia-Psicoterapia.it
LR Psicologia
Master in Psicologia giuridica - Roma, Milano e Online
Consorzio Universitario Humanitas
Master Universitario di II livello: 'Psicologia Pediatrica' - Roma e Online
PsicoCitta.it
Dott.ssa Nicoletta Cerino Turcot
Psicologo Psicoterapeuta
Riceve a: Salgareda (TV) e Jesolo (VE)
Centro di Psicoterapia Psicoanalitica SIPP Napoli
Centro di Psicoterapia
Riceve a: Napoli
Ultimi siti realizzati
- Clelia-Psicologo.it
Presenta i servizi di psicoterapia e terapia di coppia. Riceve ad Altamura.
- Giancarlo-Psicologo.it
Presenta i servizi di Psicoterapia al singolo ed alla Coppia. Riceve a Forlì e San Mauro Pascoli (FC).

Relazione fra carenza di sonno e problemi correlati a sostanze
USA. Nuova indagine rivela: le problematiche del sonno predicono problemi correlati a sostanze e comportamenti a rischio.

L'articolo "Relazione fra carenza di sonno e problemi correlati a sostanze" parla di:

  • Fattori predittivi di problemi correlati a sostanze
  • Importanza dell'educazione sull'igiene del sonno
  • Rischi a carico di PFC, amigdala e capacità cognitive
Psico-Pratika:
Numero 113 Anno 2015

Tutti gli articoli
Iscriviti alla newsletter
A cura di: Redazione - Pubblicato il 3 febbraio 2015

Relazione fra carenza di sonno e problemi correlati a sostanze
USA. Nuova indagine rivela: le problematiche del sonno predicono problemi correlati a sostanze e comportamenti a rischio.

La ricerca scientifica ha ampiamente dimostrato che la carenza di sonno è un fattore predittivo di disturbi correlati all'uso di sostanze nei giovani adulti.

Studi precedenti - focalizzati su campioni ad alto rischio - dimostrano che coloro che soffrono di disturbi del sonno hanno più probabilità di diventare consumatori di alcool, droghe e sviluppare dipendenza da nicotina.
Inoltre, fra gli alcolisti adulti che hanno ricevuto trattamenti per tale dipendenza, chi soffre di insonnia corre maggiori rischi di ricadere nell'etilismo (*).

La nuova indagine - svolta su un campione rappresentativo a livello nazionale – si concentra sull'adolescenza, poiché le difficoltà del sonno e la carenza di riposo sono molto comuni fra i giovani americani (*).

Secondo Tim Roehrs (*) - uno dei primi ricercatori a evidenziare la rilevanza clinica dell'insufficienza di sonno (1990) - l'indagine ha il merito di fare avanzare la comprensione dei nessi fra carenza di sonno e uso di sostanze, includendo anche un nuovo parametro: le ore di sonno.

I ricercatori della Idaho State University - Maria M. Wong, Gail C. Robertson, Rachel B. Dyson - hanno infatti analizzato l'impatto delle difficoltà del sonno e delle ore di sonno su comportamenti a rischio, uso di alcol e droghe.

Metodo di indagine.
L'indagine - pubblicata su "Alcoholism: Clinical & Experimental Research" (*) - è stata condotta tramite interviste e questionari.
I dati sono stati raccolti a tre "ondate" (T1, T2 e T3), in modo da esaminare l'impatto della carenza di sonno e delle ore di riposo da un periodo precedente a quello successivo:

    T1: fra il 1994 e il 1995
    T2: 1996
    T3: fra il 2001 e il 2002

Il campione esaminato è composto da 6.504 adolescenti: il 52% ragazze, il 48% maschi, reclutati dal National Longitudinal Study of Adolescent Health (*).

Le difficoltà del sonno - riscontrate in fase T1 - hanno avuto significativa influenza nella fase T2, evidenziando:

  • problemi interpersonali dovuti a ubriachezza
  • consumi elevati di alcool e binge drinking
  • uso di sostanze illegali e problemi correlati alla droga
  • comportamenti a rischio: guida in stato di ebrezza
  • rapporti sessuali sotto effetto dell'alcool e seguenti rimorsi

La quantità di ore di sonno - rilevate in fase T1 - mostravano una diretta influenza negativa, nella fase T2, su problemi interpersonali legati a:

  • uso di alcool
  • binge drinking

La relazione fra le variabili del sonno della fase T2 e i problemi correlati a sostanze riscontrati nella fase T3 era coerente con la comparazione precedente (T1 - T2), benché le conseguenze fossero più deboli.

Conclusioni.
Le difficoltà del sonno e le ore di riposo sono fattori predittivi di specifici problemi correlati a sostanze: binge drinking, guida sotto l'influenza di alcool, comportamenti sessuali a rischio (*).
La Professoressa Maria M. Wong (*), autrice dello studio, sottolinea come tali problematiche siano poi spesso associate a: incidenti automobilistici, lesioni fisiche, malattie sessualmente trasmissibili, gravidanze non desiderare e persino la morte.

Di fronte a questi rischi - concordano Wong e Roehrs - gli adulti possono svolgere un ruolo importante: educare gli adolescenti sull'importanza dell'igiene del sonno, della qualità e quantità del riposo; informare su come il sonno influenzi lo sviluppo del cervello e sulle conseguenze di alcool e droghe sui comportamenti (*).

Per quanto riguarda i bambini, è importante che i genitori parlino con loro per scoprire se e cosa possa causare problemi durante il sonno, che li aiutino a mantenere un programma di sonno regolare, anche tramite qualche piccolo divieto, come ad esempio quello di usare videogiochi e telefonino prima di dormire.

L'eccesso di stanchezza - rimarca la Wong - oltre a causare offuscamento dei sensi e blackout, può dare origine ad altre problematiche nella vita adulta.
Periodi prolungati di veglia sembrano inoltre compromettere la corteccia prefrontale (PFC) e causare una perdita di connettività funzionale fra la PFC e l'amigdala.

Per questo la Professoressa si augura che i prossimi studi si concentrino sulle modifiche che la deprivazione del sonno causa nei meccanismi cerebrali che regolano le attività cognitive complesse, la memoria e i comportamenti (*).

Cosa ne pensi? Lascia un commento
Nome:
Mail (La mail non viene pubblicata):
Testo:



HT Psicologia - Relazione fra carenza di sonno e problemi correlati a sostanze

HT Staff
HT Collaboratori