HT Psicologia
Psicologia per psicologi - Depressione e pillola contraccettiva: nuova revisione
HT: La Psicologia per Professionisti

Depressione e pillola contraccettiva: nuova revisione

Gratis
Lascia vuoto questo campo:
Iscriviti alla Newsletter di HT
HT Psicologia Network
Psicologia-Psicoterapia.it
INPEF - Istituto Nazionale di Pedagogia Familiare
Master in Criminologia, Criminalistica, Investigazione e Psicologia giuridica - Roma
SIPP - Società Italiana di Psicologia e Pedagogia
Corso per Operatore Psicopedagogico - Pisa
PsicoCitta.it
Dott.ssa Francesca Gervasoni
Psicologo Psicoterapeuta
Riceve a: Milano e Azzano San Paolo (BG)
Dott. Giovanni Aricò
Psicologo
Riceve a: Milano e Cusano Milanino (MI)
Ultimi siti realizzati
- Giancarlo-Psicologo.it
Presenta i servizi di Psicoterapia al singolo ed alla Coppia. Riceve a Forlì e San Mauro Pascoli (FC).
- Psicologo-Strizzacervelli.it
Presenta i servizi di psicoterapia, test psicologici e sessuologia. Riceve a Treviso, Vicenza e Padova.

Depressione e pillola contraccettiva: nuova revisione
USA. Studio condotto presso l'Università dell'Ohio mette in dubbio il legame tra pillola progestinica e depressione

L'articolo "Depressione e pillola contraccettiva: nuova revisione" parla di:

  • Precedenti della ricerca
  • Revisione sistematica e risultati
  • Rapporto tra progestinici e depressione
Psico-Pratika:
Numero 145 Anno 2018

Tutti gli articoli
Iscriviti alla newsletter
A cura di: Redazione - Pubblicato il 30 Marzo 2018

Depressione e pillola contraccettiva: nuova revisione
USA. Studio condotto presso l'Università dell'Ohio mette in dubbio il legame tra pillola progestinica e depressione

Columbus, Ohio. I contraccettivi ormonali - in modo particolare quelli a base di soli progestinici - potrebbero non portare ad un aumento del rischio di depressione per le donne che ne fanno uso.
A sostenerlo un nuovo studio* condotto presso l'Ohio State University Wexner Medical Center da un gruppo di ricercatori guidati dal ginecologo e ostetrico Dott. Brett Worly.

Premesse dello studio. Secondo un articolo comparso sul sito web dell'Ohio State University*, negli Stati Uniti sono circa 37.000.000 le donne che fanno ricorso a contraccettivi per il controllo delle nascite. Tra loro, il 67% ha scelto un metodo ormonale non permanente come la pillola orale, ma il 30% ne ha anche interrotto l'uso per via dell'insoddisfazione provocata dagli effetti collaterali percepiti: molte donne temono di poter cadere in depressione per colpa dell'assunzione della pillola e questo timore aumenta quando si parla di una particolare tipologia di pillole, ovvero quelle a base di progesterone.

Secondo il Dott. Worly, le paure dovute ad un ipotetico legame tra pillola e depressione sono nate probabilmente da un meccanismo di passaparola nella società (quindi da dicerie), ma sono state, poi, in qualche modo confermate da una ricerca condotta in Danimarca nel 2016*. Presso l'Università di Copenaghen, infatti, un gruppo di ricercatori condusse uno studio1 che sembrò confermare l'esistenza di un'associazione tra contraccezione ormonale e sintomi depressivi. Dall'analisi dei dati riguardanti un campione di oltre 1 milione di donne era emerso come coloro che assumevano pillole combinate (estrogeni + progestinici) avessero una maggiore probabilità di esser colpite da depressione rispetto a chi non si serviva della contraccezione ormonale; il rischio aumentava nel caso in cui il contraccettivo utilizzato fosse a base di soli progestinici (la cosiddetta "mini-pillola").

Molti esperti del settore, però, ebbero subito dubbi sui risultati ottenuti in Danimarca.
Lo stesso team del Dott. Worly aveva condotto quello stesso anno una meta-analisi riguardante la contraccezione ormonale combinata e i suoi effetti sull'umore* dalla quale era emerso come in realtà non ci fosse una forte connessione tra l'assunzione di questo tipo di pillola e un aumento del rischio di depressione.

Obiettivo dell'attuale studio, dunque, è stato quello di cercare e verificare la presenza di un'associazione tra contraccezione progestinica e depressione.

La ricerca. Il Dott. Worly e i suoi colleghi hanno dato vita ad una revisione sistematica di migliaia di studi riguardanti gli effetti provocati dai contraccettivi ormonali sulla salute mentale.
Per realizzarla, hanno cercato gli studi relativi a questo argomento pubblicati su database come PubMed, Ovid e Web of Science, inseriti fino a settembre 2016.
La qualità degli stessi è stata valutata servendosi di procedure utilizzate per le revisioni della United States Preventive Services Task* e del Cochrane Risk of Bias Tools*.

In totale il Dott. Worly e i suoi colleghi hanno preso in esame 26 studi così suddivisi:

  • 5 studi randomizzati controllati
  • 11 studi di coorte
  • 10 studi trasversali

Questi comprendevano informazioni riguardanti metodi di contraccezione differenti tra loro, dunque non solo pillole, ma anche iniezioni, dispositivi transdermici, protesi, ecc.
Inoltre, sono state prese in considerazione ricerche che hanno analizzato gli effetti della contraccezione ormonale su adolescenti, adulti e donne dopo il parto con una storia di depressione.

Risultati della revisione. Dalla revisione è emersa un'associazione minima tra i metodi di contraccezione ormonale basata sui soli progestinici e la depressione: solo uno studio di buona qualità e di livello medio, infatti, aveva mostrato un legame tra contraccezione a base di progestinici o dispositivi intrauterini e depressione.
Non era, invece, emersa alcuna correlazione con la depressione in 5 studi che riguardavano l'impianto subdermico progestinico e in 4 su 5 ricerche relative a dispositivi intrauterini; non erano state riscontrate differenze nel rischio di depressione in 3 studi riguardanti iniezioni intramuscolari né era stato registrato alcun aumento nel rischio depressione in 2 studi su pillola di solo progestinico.


Conclusioni. Per il Dott. Worly e i ricercatori americani i risultati ottenuti dall'attuale revisione dimostrano come, nonostante la comunità percepisca una maggiore depressione dopo l'inizio dell'assunzione di contraccettivi ormonali, in realtà non esista alcuna prova certa di un'associazione tra uso della pillola progestinica e questo tipo di disturbo.

Note
  1. Si veda l'articolo "Depressione e contraccezione ormonale: indagine sul legame", Psico-Pratika n.131, Anno 2016,
    www.humantrainer.com/studi-internazionali/depressione-contraccezione-ormonale-indagine-legame.html
Fonti
  • Brett L. Worly, Tamar L. Gur e J. Schaffir, "The relationship between progestin hormonal contraception and depression: a systematic review", articolo pubblicato su Contraceptionjournal.org, 26 Febbraio 2018,
    www.contraceptionjournal.org/article/S0010-7824%2818%2930032-5/abstract
Altre letture su HT
Cosa ne pensi? Lascia un commento
Nome:
Mail (La mail non viene pubblicata):
Testo:



HT Psicologia - Depressione e pillola contraccettiva: nuova revisione

HT Staff
HT Collaboratori