HT Psicologia
Psicologia per psicologi - Annunci di studi di Psicologia in coworking, che cosa sono?
HT: La Psicologia per Professionisti

Annunci di studi di Psicologia in coworking, che cosa sono?

Gratis
Lascia vuoto questo campo:
Iscriviti alla Newsletter di HT
HT Psicologia Network
Psicologia-Psicoterapia.it
Logos - Consulenza e formazione sistemico-relazionale
Workshop esperienziale: 'L'ascolto nella relazione d'aiuto, ovvero l'arte di far domande' - Genova
ANIRE - Associazione Nazionale Italiana di Riabilitazione Equestre
Ippoterapia: Corso di formazione avanzata Area Psicointellettiva - Milano
PsicoCitta.it
Dott.ssa Valentina Sarchi
Psicologo Psicoterapeuta
Riceve a: Campi Bisenzio (FI) e Sesto Fiorentino (FI)
Dott.ssa Katia Moroncelli
Psicologo Psicoterapeuta
Riceve a: Riccione (RN)
Ultimi siti realizzati
- Giancarlo-Psicologo.it
Presenta i servizi di Psicoterapia al singolo ed alla Coppia. Riceve a Forlì e San Mauro Pascoli (FC).
- Psicologo-Strizzacervelli.it
Presenta i servizi di psicoterapia, test psicologici e sessuologia. Riceve a Treviso, Vicenza e Padova.

Annunci di studi di Psicologia in coworking, che cosa sono?

L'articolo "Annunci di studi di Psicologia in coworking, che cosa sono?", parla di:

  • Come funziona il coworking
  • Quantificazione media dei costi
  • Opportunità e vantaggi
Psico-Pratika:
Numero 122 Anno 2015

Tutti gli articoli
Iscriviti alla newsletter

A domanda HT Risponde: 'Annunci di studi di Psicologia in coworking, che cosa sono?'

A cura di: Redazione
Mi sto avviando alla professione e sto cercando uno studio. Spesso leggo annunci di studi in coworking, sapete dirmi che cosa è il coworking?
- Domanda pervenuta in redazione il 23 novembre 2015 alle 11:07
Il coworking è un sistema di lavoro finalizzato al contenimento costi ma anche al fare rete.
Sostanzialmente nasce come affitto di postazioni di lavoro (scrivanie, linee telefoniche/fax, connessioni internet...), a tempo determinato - a ore, a mezze giornate, settimane - in ambienti open-space.

Professionalità diverse condividono uno stesso spazio fisico di lavoro, mantenendo la propria autonomia lavorativa e, oltre all'abbattimento dei costi (paghi solo quello che usi quando lo usi; a differenza di un affitto mensile che va pagato sempre e comunque indipendentemente dall'effettivo lavoro svolto), possono rompere l'isolamento che spesso il lavoro indipendente comporta. Possono quindi crearsi anche collaborazioni e sinergie tra professionisti.

Per fare un esempio, immaginiamo il coworking come una sala studio in biblioteca, tante persone sono lì a studiare ciascuno per conto proprio e, con la frequenza dello stesso ambiente, nel tempo possono nascere conoscenze e collaborazioni tra i diversi studenti (gruppi studio, scambio materiali, ecc).

Nel settore della psicologia il coworking si sostanzia nell'affitto di stanze (o poltrone), che questo risponda a un'esigenza più o meno unica (ad esempio per un solo incontro o comunque per un periodo di tempo limitato) o più strutturata (uno o più giorni a settimana).

Ad esempio, pensiamo allo Psicologo che lavora nell'ambito della psicologia giuridica (pensiamo all'ausiliario psicodiagnosta del CTU) che deve somministrare dei test alle parti le quali abitino in una regione/città diversa dalla propria, e le parti siano impossibilitate a recarsi dallo Psicologo.
Questi, per svolgere l'incarico, può riferirsi ad uno spazio in coworking utilizzandolo limitatamente al tempo necessario per espletare il lavoro.

O ancora, l'affitto di uno spazio (per x tempo alla settimana) all'interno di un poliambulatorio medico, o sanitario, al cui interno si avvicendino professionalità diverse afferenti all'ambito sanitario, ad esempio medici, psichiatri, dietologi, ecc.
Questa soluzione oltre a presentare un vantaggio economico può anche rappresentare un'opportunità per scambiare conoscenze e competenze tra i diversi professionisti e magari poter anche dare vita a progetti di rete (collaborazioni, creazioni di equipe di lavoro/supervisioni, aggiornamento e formazione...).

In riferimento ai costi, alcune realtà di coworking prevedono costi spazio in proporzione al tempo di impiego dello stesso (a ore, a giornate, a settimane), altre invece possono prevedere il pagamento dello spazio tramite corresponsione di una percentuale calcolata sulla parcella del professionista (in genere tra il 15 e il 30%).

Il coworking può essere una buona opportunità per l'avviamento professionale permettendo di poter avere uno spazio limitatamente all'effettivo bisogno - nessuno all'inizio del lavoro ha l'agenda piena di appuntamenti è molto più probabile che si abbia un solo paziente/cliente, ma per poter vedere anche un solo paziente è comunque necessario avere uno spazio in cui farlo - senza l'aggravio dei costi fissi dello studio (affitto, utenze...).
Cosa ne pensi? Lascia un commento
Nome:
Mail (La mail non viene pubblicata):
Testo:



HT Psicologia - Annunci di studi di Psicologia in coworking, che cosa sono?

HT Staff
HT Collaboratori