HT Psicologia
Psicologia per psicologi - Non Psicologi e valutazione rischio stress lavoro correlato
HT: La Psicologia per Professionisti

Non Psicologi e valutazione rischio stress lavoro correlato

Gratis Iscriviti alla Newsletter di HT
HT Psicologia Network
Psicologia-Psicoterapia.it
APL - Psicologi della Lombardia
Corso di Alta Formazione: 'Tecniche di rilassamento, meditazione e visualizzazione in gravidanza' - Milano
IKOS Ageform - Istituto di Comunicazione Olistica Sociale
Corso di Public Speaking - Bari e Chieti
PsicoCitta.it
Dott.ssa Beatrice Cocchi
Psicologo Psicoterapeuta
Riceve a: Medicina (BO) e San Lazzaro di Savena (BO)
Dott. Gianluca Spasiano
Psicologo Psicoterapeuta
Riceve a: Genova
Ultimi siti realizzati
- Giancarlo-Psicologo.it
Presenta i servizi di Psicoterapia al singolo ed alla Coppia. Riceve a Forlì e San Mauro Pascoli (FC).
- Psicologo-Strizzacervelli.it
Presenta i servizi di psicoterapia, test psicologici e sessuologia. Riceve a Treviso, Vicenza e Padova.

Non Psicologi e valutazione rischio stress lavoro correlato

L'articolo "Non Psicologi e valutazione rischio stress lavoro correlato", parla di:

  • Riferimenti legislativi
  • Iter del processo valutativo nella V-SLC
  • Limiti e competenze professionali
Psico-Pratika:
Numero 87 Anno 2012

Tutti gli articoli
Iscriviti alla newsletter

A domanda HT Risponde: 'Non Psicologi e valutazione rischio stress lavoro correlato'

A cura di: Redazione
Se non si è Psicologi, ci si può proporre alle aziende per la valutazione rischio stress lavoro correlato?
- Domanda pervenuta in redazione il 8 ottobre 2012 alle 17:21 -
In sintesi la risposta è dipende.

Ossia, al momento vi è un vuoto legislativo rispetto all'inquadramento di uno specifico profilo professionale ad hoc, quindi di una figura esperta in materia, che possa occuparsi di questo tipo di attività (D. Lgs. 81/08 e successiva modifica e integrazione D. Lgs 106/09).
Nel novembre 2010 la Commissione consultiva permanente per la salute e sicurezza sul lavoro ha approvato il documento riportante "Indicazioni per la valutazione del rischio da stress lavoro", successivamente diffuso dal Ministero del lavoro, nel quale sono riportate le indicazioni metodologiche riferite all'iter a cui il Datore di Lavoro deve rifarsi per procedere alla valutazione, obbligatoria, dei rischi stress lavoro correlato nella sua azienda.

Questo documento suddivide il processo valutativo in due fasi:
  • preliminare (necessaria) in cui vengono presi in considerazione gli elementi oggettivi e verificabili di rischio stress, quali:
    • Eventi sentinella (assenza per malattia, percentuali infortuni, etc...);
    • Fattori di contenuto (carichi di lavoro, turnazione, logistica e attrezzature lavorative, etc...);
    • Fattori di contesto (comunicazione Datore Lavoro e lavoratori, adeguatezza ruolo-mansioni, etc...).
  • di approfondimento (eventuale) che valuta gli elementi soggettivi (viene vagliata la percezione dei lavoratori sugli elementi che potenzialmente possono portare ad un rischio stress). Tale fase è da attuarsi solo se il rischio stress emerso in fase preliminare si attesta a livello medio o alto.
    Gli strumenti impiegati in questa fase sono diversi:
    • questionari;
    • focus group;
    • interviste semi-strutturate.
Salvo l'impiego di test psicologici propriamente detti (il cui utilizzo è per legge riservato agli Psicologi), gli strumenti sopra indicati sono trasversali a più professionalità quindi il loro impiego, fermo restando l'approfondita conoscenza degli stessi, non è vincolato al possesso di specifici requisiti di legge.

Inoltre il professionista non psicologo deve fare attenzione a non ricadere nell'abuso di professione: effettuare ad esempio una diagnosi psicologica, la strutturazione di un quadro di personalità, etc. sono valutazioni di competenza esclusiva dello Psicologo.
Soprattutto nei casi di un rischio stress particolarmente elevato, una valutazione più esaustiva della situazione può in alcune situazioni particolari essere utile, ma altrettanto può essere effettuata solo dallo Psicologo.

Per cui chiunque abbia conoscenze e competenze spendibili a livello aziendale (organizzazione, gestione personale, comunicazione, gestione conflitti, etc...), può proporsi come consulente per la valutazione del rischio stress lavoro correlato, purché non impieghi strumenti il cui uso è riservato allo Psicologo.

È doveroso sottolineare che la valutazione non riguarda il singolo lavoratore, ma l'ambiente lavorativo, per cui oggetto della stessa non sono le eventuali condizioni personologiche o psicopatologiche dei singoli soggetti, ma la probabilità che possano esistere rischi per la salute e la sicurezza dei lavoratori sul luogo di lavoro per fattori strettamente connessi all'organizzazione/gestione dello stesso.

Dal punto di vista della Psicologia le competenze sopra accennate rientrano nel bagaglio formativo dello Psicologo del Lavoro e delle Organizzazioni, per cui diversi Ordini si sono mossi per promuovere presso le aziende questa figura professionale come tra quelle maggiormente qualificate ai fini della valutazione qui in oggetto.

Riepilogando:
La valutazione dei rischi stress lavoro correlati (V-SLC) può, al momento, essere effettuata da chiunque abbia almeno un minimo di competenze aziendali, gruppali, gestionali. Quindi anche un laureato in Psicologia non iscritto all'Ordine può condurre tale tipo di valutazione.
Se però nella stessa vengono impiegati strumenti psicodiagnostici propriamente detti, occorre necessariamente essere iscritti alla sezione A dell'Albo degli Psicologi e possedere quindi il titolo professionale di Psicologo.
Cosa ne pensi? Lascia un commento
Nome:
Mail (La mail non viene pubblicata):
Testo:



HT Psicologia - Non Psicologi e valutazione rischio stress lavoro correlato

HT Staff
HT Collaboratori