HT Psicologia
Psicologia per psicologi - OMS, Gender, Educazione sessuale nelle scuole
HT: La Psicologia per Professionisti

OMS, Gender, Educazione sessuale nelle scuole

Gratis
Lascia vuoto questo campo:
Iscriviti alla Newsletter di HT
HT Psicologia Network
Psicologia-Psicoterapia.it
CIPsPsIA - Centro Italiano di Psicoterapia Psicoanalitica per l'Infanzia e l'Adolescenza
Corso: 'Psicodinamica delle istituzioni scolastiche ad orientamento psicoanalitico' - Bologna
ISERDIP - Istituto per lo Studio e la Ricerca sui Disturbi Psichici
Scuola di specializzazione in Psicoterapia - Milano
PsicoCitta.it
Centro di Psicoterapia Psicoanalitica SIPP Catania
Centro di Psicoterapia
Riceve a: Catania
Dott.ssa Maria Luigia Sartorelli
Psicologo Psicoterapeuta
Riceve a: Chieti
Ultimi siti realizzati
- Clelia-Psicologo.it
Presenta i servizi di psicoterapia e terapia di coppia. Riceve ad Altamura.
- Giancarlo-Psicologo.it
Presenta i servizi di Psicoterapia al singolo ed alla Coppia. Riceve a Forlì e San Mauro Pascoli (FC).

OMS, Gender, Educazione sessuale nelle scuole
Italia. La riforma della scuola divide l'opinione pubblica. Il movimento stop gender accusa gli standard OMS per l'Educazione Sessuale

L'articolo "OMS, Gender, Educazione sessuale nelle scuole" parla di:
  • Virale campagna in difesa della "famiglia naturale"
  • Standard OMS, Circolare del MIUR e Posizione ENPAP
  • Intervento dell'AIP – Associazione Italiana di Psicologia
Psico-Pratika:
Numero 120 Anno 2015

Tutti gli articoli
Iscriviti alla newsletter
A cura di: Redazione - Pubblicato il 5 ottobre 2015

OMS, Gender, Educazione sessuale nelle scuole
Italia. La riforma della scuola divide l'opinione pubblica. Il movimento stop gender accusa gli standard OMS per l'Educazione Sessuale

Alla vigilia della riapertura delle scuole - lo scorso settembre - si è tornati a discutere di "Gender", tema che già aveva accesso gli animi con "Il gioco delle differenze", programma educativo introdotto in alcuni asili triestini a Marzo 2015, poi balzato alle cronache internazionali (*).

Il timore diffuso è che l'educazione alle pari opportunità e al rispetto delle differenze di genere - introdotta nel piano triennale dell'offerta formativa dal Comma 161 della Riforma scolastica, detta "La Buona Scuola" (*) - nasconda in realtà l'intenzione di diffondere la "Cultura Gender".

La preoccupazione è diventata presto virale.
La rete ha iniziato a popolarsi di foto, video, messaggi per mettere in guardia i genitori: invitarli a non sottoscrivere il Patto di Corresponsabilità2, chiedere l'esonero dalle "Lezioni Gender" e firmare per il referendum abrogativo della Buona Scuola.
Fra i messaggi più diffusi, sia online sia fuori dalla rete:

Attenzione! A tutti i genitori!
Quando inizierà la scuola a settembre vi sarà consegnato il "patto di corresponsabilità".
Vi diranno di firmarlo ma attenzione, con la vostra firma autorizzerete la scuola a impartire lezioni di gender a vostro/a figlio/a e non potrete più opporvi.
Non firmate "il patto di corresponsabilità".
Fate girare, proteggiamo i nostri figli!!!

Già dall'estate scorsa associazioni cattoliche, politici, comitati cittadini, associazioni di genitori (*) si sono mobilitati e impegnati nella diffusione di volantini, raccolte firme e iniziative sfociate, il 20 giugno scorso, in una grande manifestazione di piazza in difesa della "famiglia naturale" che - secondo gli organizzatori - ha attirato in piazza San Giovanni a Roma un milione di persone (*).
Le preoccupazioni si annidano intorno al fatto che - se si verificassero "storture applicative" della legge - nella scuola potrebbero essere introdotti programmi educativi che contribuiscono «alla destrutturazione dell'identità dei singoli insegnando ai nostri figli che al di là del proprio sesso biologico possono decidere autonomamente di appartenere ad un altro Genere» (*).

Il Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca (MIUR) - in risposta a questa «forte preoccupazione derivante anche dalla risonanza mediatica di informazioni non sempre corrette e obiettive» - ha emanato una circolare (*) per chiarire che l'offerta formativa della Buona Scuola non intende affatto proporre ai ragazzi "Lezioni Gender".
A rassicurare genitori e comitati sul fatto che non esista alcuna "cultura gender" o "ideologia gender"3, sono intervenuti anche gli esperti, che hanno spiegato come di fatto esistano solo studi di genere - gender studies - che non hanno dato a vita ad alcuna teoria uniforme, tanto meno a un'ideologia. Questo non ha però contribuito a rasserenare gli animi di quanti difendono la "famiglia naturale":

«Vi parleranno di cose buone come il rispetto, la lotta al bullismo, lotta alla violenza contro le donne e simili.
Parità di genere, educazione all'affettività, parole chiave dietro le quali vogliono nascondere l'indottrinamento all'ideologia gender dicendovi anche che questa non esiste (...)
» (*).

Alcune associazioni di genitori hanno invece apprezzato le rassicurazioni del MIUR ma - promettono - "continueranno a vigilare" sull'evoluzione della cosa.
«Monitoreremo che le cose vadano in un determinato modo».
Ha detto Massimo Gandolfini, Presidente del Comitato Difendiamo i Nostri Figli.
«Inoltre, non ci si può permettere di far passare il milione e più di persone che erano presenti a Piazza San Giovanni e tutte le correlate a quelle persone come dei visionari, dei terroristi, degli allarmisti» (*).

Sotto accusa le linee guida dell'OMS

Nei volantini di questa campagna vengono così riassunte le linee guida dell'OMS:

  • fascia 0-4 anni: masturbazione infantile precoce;
  • fascia 4-6 anni: amore verso persone dello stesso sesso;
  • fascia 6-9 anni: contraccezione, auto-stimolazione;
  • fascia 9-12: libera scelta del partner, gravidanza indesiderate.

Questo documento (...) preoccupa per la tendenza all'iper-sessualizzazione precoce dei bambini (*).

Altri volantini aggiungono:

  • dai 9 ai 12 anni: masturbazione, eiaculazione, uso di preservativi.
    La prima esperienza sessuale. Come fare l'amore con il partner dello stesso sesso.
  • dai 12 ai 15 anni: riconoscere i segni della gravidanza, procurarsi contraccettivi dal personale sanitario, fare coming out.
  • a partire dai 15 anni: diritto all'aborto, pornografia, omosessualità, bisessualità, asessualità.

A questo punto, un'ondata di indignazione si è levata dall'altra parte della società civile, a causa dell'estrema sintesi operata sulle linee guida dell'OMS, che ha ridotto a poche righe i concetti espressi in 12 tavole - spiegate e illustrate all'interno di un volume di 68 pagine - poi diffuse su blog, gruppi whatsapp e volantini in modo decontestualizzato.

"Le linee guida dell'OMS per l'educazione sessuale nelle scuole" - a cui si fa riferimento nei volantini stop-gender (*) - fanno parte degli "Standard per l'Educazione Sessuale in Europa", volume realizzato da una équipe di esperti in Medicina, Psicologia, Scienze Sociali presso il BzgA di Colonia - Centro Federale per l'Educazione alla Salute (*) - in una sessione di lavoro durata 18 mesi.

Gli "Standard per l'Educazione Sessuale in Europa" - rivolti alle autorità scolastiche, a quelle sanitarie, ai responsabili delle politiche e agli specialisti - sostengono la necessità di fare educazione sessuale in chiave "olistica" e positiva, per favorire lo sviluppo sessuale del bambino sul piano fisico, affettivo e sociale, poiché la sessualità è una componente «determinante dello sviluppo della persona».

Nel volume vengono effettivamente suggeriti gli argomenti da trattare – in base all'età dei bambini e alla loro fase di sviluppo sessuale (*) - entro un percorso graduale e con linguaggio adeguato, al fine di "trasmettere informazioni", "mettere i bambini in grado di" acquisire competenze e aiutarli a sviluppare atteggiamenti positivi, attraverso l'intervento di persone competenti e qualificate, di concerto con le famiglie (*).

A favore dell'Educazione sessuale

Alcuni Ordini professionali - Ordine degli Psicologi del Lazio e dell'Emilia Romagna in testa - hanno deciso di esporsi e prendere posizione: «Un'educazione mirata al rispetto della persona è fondamentale per contrastare fenomeni di bullismo, violenza, omofobia, superando ogni possibile discriminazione, favorendo la parità di genere e la visione della diversità come indispensabile risorsa sociale» (*).

Per quanto riguarda la posizione dell'ENPAP (Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza per gli Psicologi), era già stata acclarata - fa notare il vice presidente Federico Zanon (*) - dalle iniziative previdenziali del nuovo indirizzo, che includono tutti i tipi di genitorialità (*).

«Per rasserenare il dibattito nazionale sui temi della diffusione degli studi di genere e orientamento sessuale nelle scuole italiane» ha ritenuto opportuno intervenire anche l'Associazione Italiana di Psicologia, ribadendo «l'inconsistenza scientifica del concetto di "ideologia del gender"» (*).

La posizione dell'Associazione Italiana di Psicologia

Come dimostrato da numerose ricerche scientifiche, pregiudizi, sessismo, stereotipi di genere e omofobia vengono apprese dai bambini sin dai primi anni di vita pertanto, l'Associazione Italiana di Psicologia considera fondamentale fare una corretta educazione che - con le dovute metodologie - affronti anche il tema del genere e dell'orientamento sessuale.

Questo «non significa promuovere un'inesistente "ideologia del gender", ma fare chiarezza sulle dimensioni costitutive della sessualità e dell'affettività, favorendo una cultura delle differenze e del rispetto della persona umana in tutte le sue dimensioni e mettendo in atto strategie preventive adeguate ed efficaci capaci di contrastare fenomeni come il bullismo omofobico, la discriminazione di genere, il cyberbullismo» (*).

Con l'approvazione del documento "Sulla rilevanza scientifica degli studi di genere e orientamento sessuale e sulla loro diffusione nei contesti scolastici italiani", l'AIP intende riconoscere la rilevanza scientifica degli studi di genere - ivi compresi gli studi sull'omosessualità - ribadendo «l'importanza della diffusione della cultura scientifica psicologica per la crescita culturale e sociale del nostro paese» (*).

Note
  1. Al Comma 16 dell'Art. 1 della Legge n. 107 del 13 luglio 2015 - Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione e delega per il riordino delle disposizioni legislative vigenti - si legge:
    "Il piano triennale dell'offerta formativa assicura l'attuazione dei principi di pari opportunità promuovendo nelle scuole di ogni ordine e grado l'educazione alla parità tra i sessi, la prevenzione della violenza di genere e di tutte le discriminazioni, al fine di informare e di sensibilizzare gli studenti, i docenti e i genitori sulle tematiche indicate dall'articolo 5, comma 2, del decreto-legge 14 agosto 2013, n. 93, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 ottobre 2013, n. 119, nel rispetto dei limiti di spesa di cui all'articolo 5-bis, comma 1, primo periodo, del predetto decreto-legge n. 93 del 2013".
  2. Il Patto Educativo di Corresponsabilità attiene alle norme di comportamento del corpo docenti e degli alunni. Non si tratta di un contratto, bensì un documenti di impegno e collaborazione per il buon esito del processo educativo, che riguarda: comportamento, puntualità, verifiche scolastiche, sostegno agli alunni e recupero delle insufficienze, rispetto degli altri, divieti e sanzioni disciplinari.
    Il testo integrale del Patto Educativo di Corresponsabilità si può liberamente consultare su internet sul sito del Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca (MIUR): istruzione.it
  3. In ambito accademico non si fa riferimento a Teoria del Gender.
    Il termine deriva da "gender studies", studi di genere interdisciplinari di carattere scientifico e psicologico avviati alla fine degli anni '70 del secolo scorso.

Commenti: 3
1 Alessia alle ore 10:53 del 06/10/2015

Ma all'Oms lo sanno che per spiegare a un bambino la masturbazione infantile gliela devi mostrare??? Ma all'Oms sanno che i bimbi hanno le mani perennemente luride e così si prendono qualche grave infezione e magari diventano pure sterili??

Ma all'Oms sanno cosa seve a un bambino?? Rosso, giallo...imparare i nomi dei colori???

Ma chi è che all'Oms ha ordinato queste assurde e pericolose linee guida che non promuovono affatto la salute???

Ancora credete agli esperti???

2 Silvia alle ore 22:31 del 06/10/2015

Alessia, di fatto in viene insegnato ai bambini la masturbazione, non viene mostrato ai bambini come masturbarsi (questo tra l'altro è vietato dalla legge italiana!). La invito a leggere il documento dell'oms, interamente. Lo trova in rete. Buona informazione

3 Alessi alle ore 16:05 del 07/10/2015

Infatti, usando un pupazzetto a forma di pene o vagina ottieni lo scopo: gli insegni a toccarsi... E ti ricordo che avranno le mani lerce anche quando non sei con loro!!!! Anche quando sei con loro non riuscirai mai a rendergliele linde...

Poi devono fare il gioco del dottore e guardarsi...ma  già quando vanno al bagno da un lato ci sono i maschi e dall'altro le femmine e ti assicuro che non gliene frega niente di guardarsi tra loro.

Inoltre hanno fratelli o sorelle con cui fanno il bagnetto...quindi le differenze sessuali sono quelle che conoscono per primi. Tantopiù che mamma ha la pelle liscia, papà la barba che fa ogni mattina.

Ma ti pare che a quest'età la cosa più importante da spiegare a un bambino sia come masturbarsi????

Hai mai avuto a che fare con bambini????

Il documento l'ho letto fin  troppo bene e contraddice la Costituzione in quanto in alcuni punti dichiara neanche tanto velatamente che le famiglie sono incapaci di educare i figli sulla sessualità nella maniera in cui l'Oms ritiene valido ...quindi ci deve pensare qualcun altro...

Anche Mario Mieli la pensava così "la famiglia educastra". Appoggiava pure la pedofilia e ogni altra forma di perversione sessuale. E' morto suicida, altrimenti ti avrebbe dato man forte...

Informati, altrimenti significa che sei solo sotto falso nome e sei solo interessat* a propagandare idee indipendentemente dal reale interesse del bambino.

Saluti,

Alessia

Cosa ne pensi? Lascia un commento
Nome:
Mail (La mail non viene pubblicata):
Testo:



HT Psicologia - OMS, Gender, Educazione sessuale nelle scuole

HT Staff
HT Collaboratori